Italian English French German Spanish

Sussulti

commento 23-12-18E’ piccola Betlemme, è poca cosa rispetto alle grandi capitali che campeggiano nello scenario politico e religioso del tempo. Ma nel suo cuore profetico, conserva un pensiero per Dio che sceglie i piccoli, i germogli, la voce nascosta e gioiosa nel silenzio del grembo materno. Dio della piccolezza, che celebra e dà la sua statura ai piccoli. Segreto nascosto dentro il cuore delle cose, che dà senso al ritmo della storia. A Betlemme terra di pastori e di greggi, converge la nostra attesa. Lì Dio, secoli prima dell’avvento di Gesù, si scelse un umile pastorello il cui unico potere era una fionda a difesa del suo gregge e del suo popolo. Dio torna a scorazzare tra i monti di Giuda e lo fa nel grembo di una donna: Maria che, come tutte le donne benedette, porta la Vita. Dio parla il linguaggio della vita e le donne sono le prime a comprenderlo. Ritorna quella benedizione che fu la prima parola di fronte al creato e all’uomo uscito dalla bellezza dell’Eterno. Benedetta sei tu Maria, benedetta perché sei casa a quella Parola che si fa Carne. Seguiamo il tuo viaggio, il tuo canto, il tuo sguardo su questo mondo amato da Dio. Maria entra nella casa di Elisabetta e con lei entra Dio. Egli abita la mia e la tua casa fratello e sorella, non lasciarlo sulla soglia, non lasciarlo orfano di abbracci. Egli è di nuovo qui con te per farsi interprete del tuo sussulto, del tuo anelito di vita. Nasce con te, gioisce con te, danza con te, muore e risorge con te. Mai senza di te! La carne di Maria sta tessendo la divina Parola. Saranno occhi per i due spiccioli della vedova, per l’olio profumato della donna peccatrice, per il giovane che cerca il regno, per il ladro che ruba il Paradiso. Saranno mani che toccheranno l’umanità ferita, che si alzeranno al cielo nella segreta preghiera al Padre, che spezzeranno il pane , che abbracceranno l’umanità nel gesto estremo della croce. Saranno piedi che solcheranno la polvere del deserto e la confusione della città degli uomini. Belli, come quelli del messaggero di lieti annunzi che proclama la pace. Maria, nel segreto del suo grembo, tesse il corpo di Cristo, un corpo preparato per fare la volontà di Dio. Di questo corpo, che porta in sé la divina umanità, si accorge il piccolo Giovanni, il più grande fra i nati di donna, profeta e precursore di tutti i piccoli del Regno dei cieli.

Davide Carbonaro
omdsala baldinila cantorialink-vicariato-romapreghiera taize

Contatti

Parrocchia di Santa Maria
in Portico in Campitelli

Piazza Campitelli, 9
00186 Roma Italia
Tel. e fax Parrocchia: 06.68 80 39 78
Tel. e fax Comunità: 06.68 74 28 5
E-mail:
santamariainportico@vicariatusurbis.org

Orari

Apertura della Chiesa
Dalle ore 7:00 alle 19:00
SANTE MESSE
Feriali: ore 7:30 e 18:30
Festivi: ore 7:30, 10:00, 12:00, 18:30
Giovedì 18:30 Adorazione e Vespri
Orari ufficio Parrocchiale
Tutti i giorni aperto dalle 10:00 alle 12:30, tranne il giovedì e i festivi

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua Email:
       
FaceBook Feed Youtube Twittericon-1

Template Design © Vicis Srl | All rights reserved.