• +39 06 68803978
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
itendees
Sabato, 30 Giugno 2018 09:52

Alzati!

Vota questo articolo
(0 Voti)
commento 01-07-18Gesù è l’unico che può dire una parola definitiva sull’esistenza dell’uomo e sulla complessità della sua vita. L’intreccio dei due miracoli narrati nella pagina evangelica di Marco, espongono casi che molti di noi possono aver sperimentato o hanno sott’occhio: la sfida nei confronti della malattia o l’ostinazione di un padre o una madre che non si arrendono di fronte alla morte di un figlio. L’uomo davanti a queste provocazioni si trova nudo, incapace, povero. Nella pagina del Vangelo è Gesù a sfidare questo male oscuro. Marco riconosce una continuità tematica fra malattia e morte, l’orizzonte che le fa emergere è il peccato. La malattia della donna oltre ad essere segno di umiliazione è anche condizione di impurità legale (Lv 15,25) e quindi segno di emarginazione. Il desiderio della guarigione la spinge verso Gesù e la porta a compiere ciò che la legge le proibiva: toccare il Rabbì. E’ la prima sfida, quella che nasce dal cuore, la ricerca della guarigione a tutti i costi. La narrazione si poteva interrompere qui, ma va oltre. Gesù non è un mago che dispensa guarigioni a caso. Egli conosce il male che è nell’uomo e può guardarlo in faccia. E’ nel dialogo, nel faccia a faccia, che la donna dice la verità a colui che è la Verità. Solo così la guarigione fisica diventa salvezza e liberazione interiore. Ora la donna può andare in pace consapevole di essere guarita in pienezza. E’ il tempo a intessere il discorso narrativo che Marco sta conducendo: la donna è malata da dodici anni e la bambina ha dodici anni. Per strada riferiscono al maestro la morte della piccola, con quella rassegnazione tipica dell’uomo, disarmato di fronte alla morte. Durante il cammino, Gesù chiede a Giairo di avere fede, questi, abituato nella Sinagoga a scrutare le Scritture, ora è chiamato a fidarsi della Parola di Dio. Gesù entra nella casa con il terzetto dei discepoli testimoni privilegiati degli eventi prodigiosi, più tardi chiamati a essere testimoni del Messia sofferente. Egli rivendica a sé la signoria di Dio negando ogni potere alla morte e affermando che essa è solamente sonno. Per la logica umana, rappresentata dal trambusto e dai piagnoni, la morte è definitiva; per Gesù essa ha valore provvisorio ed è promessa di vita futura. Alzati: è l’imperativo della risurrezione; con questo egli compie le speranze messianiche: “Io sono il tuo Dio, ti tengo per la destra e ti vengo in aiuto” (Is 41,13). Nei Sacramenti della Chiesa, il mantello di Gesù, è possibile incontrare e toccare l’autore della grazia; essi prolungano nella nostra storia, la sua azione guaritrice e salvifica compiendo il meraviglioso scambio tra la nostra povertà e la sua grandezza.

Davide Carbonaro
Letto 396 volte
Altro in questa categoria: « Debolezza e forza Liberati »

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Contatti

icona smp ombra

Parrocchia di Santa Maria
in Portico in Campitelli

Piazza Campitelli, 9
00186 Roma Italia
Tel. e fax Parrocchia: 06.68 80 39 78
Tel. e fax Comunità: 06.68 74 28 5
santamariainportico@vicariatusurbis.org 

Video

Newsletter

Nuvola di TAG

Links

Visita i nostri links amici.

Storia dell'Imagine,

e Chiesa di Santa Maria in Portico di Campitelli.

San Giovanni Leonardi

Narrazione dell'immagine di Santa Maria in Portico

© 2020 Parrocchia di Santa Maria in Portico in Campitelli. All Rights Reserved. Powered by VICIS