• +39 06 68803978
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
itendees
Mercoledì, 15 Agosto 2018 07:19

Scala del cielo

Vota questo articolo
(0 Voti)
commento 15-08-18Nel sonno della morte Gesù ha preso sua madre ed è stata risvegliata dalla morte perché potesse contemplare la luce del suo volto e sedere alla sua destra. Questa sorte di Maria contemplata dalla tradizione della Chiesa e cantata dalla liturgia, è la nostra sorte futura. La Chiesa orientale che accentua l’aspetto della dormitio di Maria, celebra il luogo della sepoltura della Madre di Dio, come la “Scala di Giacobbe” dalla quale Maria e tutti noi siamo condotti al cielo. Un cielo aperto per accoglierci e non per condannarci. Ecco il sogno di Dio per l’umanità redenta da suo Figlio che è la primizia dei rinati a vita nuova. Un cielo che è testimone del prodigioso duello della Pasqua del Figlio e della Pasqua della Chiesa. Un travaglio destinato a partorire la vita e non la morte, letteralmente “bevuta” dalla Vittoria di Gesù, come afferma Paolo. Ed in questa scalata al cielo dietro a Cristo il primogenito dei viventi, vi è Santa Maria insieme a tutti noi. Il “viaggio” di Maria al cielo è preparato da un altro viaggio fatto in fretta dice il Vangelo di Luca, perché la carità verso l’altro ha la sua urgenza. In effetti, Luca precisa che Maria si alzò. Il verbo usato è quello della risurrezione, eccola la vera fretta che contagia il cuore di Maria. L’uomo non può più essere prigioniero della morte. Il si generoso della Serva di Dio detto con prontezza all’angelo e la carità verso la cugina Elisabetta, annunziano la condizione dei risorti obbedienti e disponibili alla volontà di Dio. Il viaggio è verso le montagne come hanno già fatto i Padri e le Madri di Israele, Mosè, Miriam, Giosuè, Giuditta, Elia. L’esistenza dell’uomo il segreto di vita, consiste nella salita e non nella discesa. Solo Gesù scenderà nel punto più basso della terra fino agli inferi per portare con sé al padre il “patrimonio” della nostra umanità. Maria parte come un giorno partì l’antica arca di Israele insieme al popolo di Dio errante nel deserto. L’antica arca conteneva in sé le memorie dell’azione salvifica di Dio. Maria, nuova arca, grembo carico di vita, pronta a partorire il Figlio destinato a governare i popoli, è salutata ieri da Elisabetta, oggi dalla Chiesa come Beata perché credente, perché adempimento della Parola di Dio. In questa donna santa e piena di grazia ci rispecchiamo, ritroviamo i tratti più belli e generosi della Madre Chiesa che canta il suo Signore, che si lascia guardare da lui come sposa amata in un abbraccio che ha il sapore dell’eterno.

Davide Carbonaro
Letto 503 volte
Altro in questa categoria: « Dio esagerato! Ingrediente di vita »

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Contatti

icona smp ombra

Parrocchia di Santa Maria
in Portico in Campitelli

Piazza Campitelli, 9
00186 Roma Italia
Tel. e fax Parrocchia: 06.68 80 39 78
Tel. e fax Comunità: 06.68 74 28 5
santamariainportico@vicariatusurbis.org 

Video

Newsletter

Nuvola di TAG

Links

Visita i nostri links amici.

Storia dell'Imagine,

e Chiesa di Santa Maria in Portico di Campitelli.

San Giovanni Leonardi

Narrazione dell'immagine di Santa Maria in Portico

© 2020 Parrocchia di Santa Maria in Portico in Campitelli. All Rights Reserved. Powered by VICIS