Stampa questa pagina
Sabato, 17 Novembre 2018 14:22

Tenero ramo

Vota questo articolo
(0 Voti)
commento 18-11-18Solo Gesù è capace di raccontare lo sconvolgente scenario della tribolazione e dell’angoscia umana innestandolo nel tenero ramo di fico che annuncia la bella stagione. Spesso non abbiamo parole per esprimerci sugli avvenimenti ultimi, quelli che accadono a noi e a chi sta accanto a noi. Il dolore, la sofferenza innocente, la morte, le piccole e grandi tribolazioni umane rischiano di intrappolarci nella paura e nella rassegnazione. Ma le parole ultime che Gesù consegna a Gerusalemme non sono presagio di accadimenti prossimi, non indicano solo sconvolgimenti storici, ma esistenziali. La piccola comunità dei discepoli che lo ha seguito fino a Gerusalemme, attraverserà insieme con lui la “grande tribolazione” vissuta dalla prima generazione nel rifiuto messianico del Maestro di Nazareth e nella tremenda sua passione. Le generazioni successive fino alla nostra, non saranno esenti dalla passione del Verbo nelle sue membra: la Chiesa. Tenera nei suoi rami, capace di indicare la bella stagione, carica di frutti, attraente per chi stanco del cammino si siede alla sua ombra. La Chiesa con la Parola viva del suo Signore, ci conduce ad accogliere pieni di speranza i tempi ultimi ed il fine per cui siamo stati creati e redenti. L’ incontro con il Veniente che solca le nubi del cielo portando questa nostra umanità a tenere alto lo sguardo. Accade, talvolta, che i punti di riferimento vengono meno. Il sole e la luna, posti come indicatori spazio temporali svaniranno perché guide provvisorie di un tempo finito. Il Veniente annuncia: Tu sei per sempre, non sei stato creato per custodire il tempo e la storia, ma per lasciare che in te germogli il tenero ramo dell’eterno. E’ il tempo che ci è dato? Custodisce l’attesa. Eccolo il nostro Dio che nasconde il tutto di lui e di noi in un dettaglio: Il tenero ramo di fico. E’ gravido quel ramo. E’ gravido di bellezza e di vita. Così mi piace pensare con Gesù gli eventi ultimi della mia esistenza: un parto che rigenera la Vita. Quando queste cose accadono, cioè quando la tua vita è gravida, stai certo che egli e vicino. Gesù ci chiede una cosa sola, che ci accorgiamo del ramo tenero, che ce ne prendiamo cura. Non perdere tempo a scrutare come, quando, quanto, tutto ciò accadrà, perché accadrà. Usa i sensi dello Spirito pronti a traghettare le tue paure nel nuovo che già appare.

Davide Carbonaro
Letto 265 volte