• +39 06 68803978
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
itendees
Sabato, 30 Maggio 2020 15:14

Spazio lieto

Vota questo articolo
(0 Voti)

“Stavano compiendosi”. C’è una pienezza che trasborda nella Bibbia. La rivelazione di Dio non è mai misurata, accademica, riservata. E’ imprevedibile: “all’improvviso”.  Stravolgente: “un vento impetuoso”. Abita, ma non ha mura che la contengono: “si trovavano tutti insieme nello stesso luogo”. E’ lo stare insieme che costituisce lo spazio dell’azione di Dio. Questo accade anche a noi oggi che viviamo il compimento dei giorni del Santo, lo “spazio lieto” della sua gioia custodita nei cuori. E’ lo Spirito che non sappiamo da dove viene e dove va che ci trascina su strade nuove, ci butta nei sentieri della storia, ci trasforma in seme fecondo di speranza perché altri possano godere dei suoi  buoni frutti. Paolo li elenca come le fondamenta di un grande portico il quale lascia intravvedere l’orizzonte lontano e permette al vento dello Spirito di attraversarlo. “Lingue di fuoco”: lo Spirito appare così, scende così su quello sparuto gruppo di discepoli del Maestro di Nazareth e li trasforma da paurosi in gioiosi annunciatori, da traditori in portatori della speranza fino agli estremi confini della terra, da fuggitivi in camminatori sulle strade della storia.  Nell’unica lingua dell’amore: “ciascuno li udiva parlare nella propria lingua” lo Spirito “non parlerà da se stesso” ma farà accadere il Vangelo: “dirà tutto ciò che avrà udito” attraverso le parole e i gesti dei testimoni di ogni tempo. Il dono dello Spirito è la risposta che Dio dà alla domanda di Pilato: cos’è la verità. La Verità non pretende di dire tutto, ma di dare tutto. Ecco perché lo Spirito: “prenderà da quel che è mio e ve lo annunzierà”. Lo Spirito genera evangelizzati ed evangelizzatori, uomini e donne che mettono a disposizione della Chiesa la loro unicità, il loro modo di essere creativi e amati, coraggiosi e perseveranti nel bene. I quaranta giorni nei quali il risorto appare ai suoi non sono altro che l’eco di quel: era tutto vero, bisognava che il messia patisse per voi e per l’umanità. E ora quell’assenza è colmata dall’altro Paraclito, il promesso, lo Spirito di verità, che interviene con soavità e forza per generare cuori nuovi, un nuovo umanesimo. Quel discendere imprevedibile manda in confusione il mondo con le sue logiche e le sue false attese. La debolezza riempita di forza, è il linguaggio nuovo di chi impreparato, ma amato, si trova in prima linea a vivere sulla sua pelle le sorprese dello Spirito.

Davide Carbonaro

Letto 119 volte
Altro in questa categoria: « La vita tra le mani Dire Dio »

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Contatti

icona smp ombra

Parrocchia di Santa Maria
in Portico in Campitelli

Piazza Campitelli, 9
00186 Roma Italia
Tel. e fax Parrocchia: 06.68 80 39 78
Tel. e fax Comunità: 06.68 74 28 5
santamariainportico@vicariatusurbis.org 

Video

Newsletter

Nuvola di TAG

Links

Visita i nostri links amici.

Storia dell'Imagine,

e Chiesa di Santa Maria in Portico di Campitelli.

San Giovanni Leonardi

Narrazione dell'immagine di Santa Maria in Portico

© 2020 Parrocchia di Santa Maria in Portico in Campitelli. All Rights Reserved. Powered by VICIS