• +39 06 68803978
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
itendees
Sabato, 21 Luglio 2018 10:35

Una carezza per tutti

Vota questo articolo
(0 Voti)
commento 22-07-18C’e una stanchezza che ristora il cuore. Ad inviare tra le pieghe e le piaghe di quella terra che rifiuta i profeti e li uccide, è stato proprio Gesù. E li invia mentre la testa del Battista cade sotto la scure del potere arrogante e malvagio di un venduto Erode. Tornano stanchi, ma pieni di gioia, bisognosi di congiungersi alla sorgente del loro “mandante” per raccontare. Raccontare di loro o di quanto Dio ha operato per mezzo di loro? Questo non lo sappiamo, ma Gesù che conosce il cuore umano chiede loro di venire in disparte. Stanchi siamo quando abbiamo esaurito le risorse del cuore e non riusciamo più ad essere amanti e amabili. Innalziamo con facilità i “muri di separazione” fermandoci dentro l’insaziabile “inimicizia” che paralizza. Quella parola “riposo” un pio ebreo la conosce bene. E’ l’obbligo fatto a chi rispetta il “riposo di Dio” dopo la fatica della creazione. Sta all’origine del “Sabato” di cui Gesù proclama esserne signore. Già, perché il riposo non è solo uno spazio sociale o cultuale. Le parole di Gesù riportate da Marco inaugurano un nuovo spazio di intimità con il Signore, se vogliamo un culto nuovo nel quale i discepoli di ogni tempo sono chiamati a stare. Quel risposo e quella sosta che Gesù richiede scaturiscono dal suo sguardo compassionevole nei confronti della nostra umana fragilità. Non è forse all’origine della nostra Eucarestia domenicale? In essa sostiamo dalle fatiche dei giorni per incontrare Cristo nostra Pasqua, raccontare la sua storia che diventa viva nella nostra e sentire il dono della sua presenza. Per un momento i discepoli avevano assaporato il fascino di stare sulla cresta dell’onda, ma quando questa si schianta sulla spiaggia c’è bisogno di chi ti accoglie e contiene l’esuberanza del fai da te. Il rischio è di essere risucchiato dall’onda. Hanno bisogno di riposare gli apostoli (i mandati) e Gesù li rimette in barca alla ricerca di un luogo deserto, senza sapere che quel luogo è lui. Li seguono, non li mollano; quegli uomini nonostante il loro messaggio strano. Vanno cercati, seguiti. Allora, con tutta quella gente con quell’andirivieni di folla, di bisogni, di lacrime, il deserto non è più deserto. Che fare? Imparare da Gesù, dalla sua pancia. Marco lo dice: le sue viscere si muovono di compassione. Senza questa compassione tutto ci pesa, gli altri sono un ostacolo, sentiamo i morsi della fame che alimenta il nostro egoismo. Prima i miei bisogni o le loro necessità? Il Dio di Gesù si rivela e comporta come una madre: c’è spazio per tutti, c’è una carezza per tutti, c’è pane per tutti.

Davide Carbonaro
Letto 542 volte

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Contatti

icona smp ombra

Parrocchia di Santa Maria
in Portico in Campitelli

Piazza Campitelli, 9
00186 Roma Italia
Tel. e fax Parrocchia: 06.68 80 39 78
Tel. e fax Comunità: 06.68 74 28 5
santamariainportico@vicariatusurbis.org 

Video

Newsletter

Nuvola di TAG

Links

Visita i nostri links amici.

Storia dell'Imagine,

e Chiesa di Santa Maria in Portico di Campitelli.

San Giovanni Leonardi

Narrazione dell'immagine di Santa Maria in Portico

© 2020 Parrocchia di Santa Maria in Portico in Campitelli. All Rights Reserved. Powered by VICIS