• +39 06 68803978
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
itendees
Martedì, 28 Gennaio 2020 15:04

“Galilea delle Genti”

Vota questo articolo
(0 Voti)

Eccolo il Messia attesa da Israele, accennato dalla speranza dei popoli, Gesù: Dio salva. Uomo uscito dal silenzio dei trent’anni di Nazareth, impastato del quotidiano, intessuto di quelle aspettative che germogliano nel cuore di ogni giovane che si apre al futuro. Lo hanno atteso le acque del Giordano che discende fino al punto più basso della terra. E’ Lui, il Figlio proclamato dalla Voce del Padre che viene dall’alto, riemergendo carico della nostra fragile umanità. Da lui traspare quella luce destinata ad evangelizzare la storia. Comincia così, il pellegrinaggio terreno del Figlio di Dio, come racconta l’Evangelista Matteo, che  in questo anno liturgico accompagnerà il nostro cammino di discepoli, dietro a Gesù. Lo seguiamo anche noi, desiderosi di Vangelo, di buona notizia, in questo tempo in cui la bontà e la bellezza sono imprigionate dall’apparenza; la comunicazione è segnata dalla precarietà e dall’inconsistenza. Paolo ne è consapevole. Scrivendo alla comunità di Corinto, fa appello non alla forza di una parola che passa, ma alla croce di Cristo che la rende stabile. Gesù e Paolo hanno compreso che bisognava cominciare dalle periferie, da quel meticciato crocevia di culture, tradizioni religiose, razze e lingue, che costituiscono la complessità dell’umano di sempre. Gesù, carico della Luce che viene dal mistero e della Parola che esce dal silenzio, s’immerge, afferma Matteo: nella “Galilea delle Genti”. La Parola ed il Gesto di Gesù si fanno spazio dove l’uomo vive, soffre, muore. Ecco che Matteo sintetizza in tre parole l’agire del Rabbi di Nazareth, in mezzo all’umanità di ieri e di oggi: Insegna, annuncia e guarisce. Non ne possiamo fare a meno. Quando la Chiesa si riappropria di questo evangelico agire, è libera ed è liberante: spezza il giogo dell’arrogante potere dei grandi della terra, affranca le spalle sovraccariche dei poveri e degli oppressi, risponde con la misericordia al bastone degli aguzzini. Fu sufficiente lo sguardo penetrante e l’imperativo: “Venite dietro a me” ad affascinare quelle coppie di fratelli lungo il mare di Galilea. Ancora oggi il suo sguardo e l’imperativo della sua parola attraggono uomini e donne desiderose di cambiare mentalità, di sentire che Dio è prossimo e non ha abbandonato la nostra umanità nel vuoto della sua sorte. Oggi come allora Gesù si fa vicino. Questo è il senso del “regno dei cieli”. Non una istituzione terrena, né una compagnia di buoni e perfetti, ma un drappello spesso malconcio di cercatori del vero e del bello, innamorati di Dio. Gesù non chiede a Pietro ed Andrea; a Giacomo e Giovanni; a me e a te, di cambiare mestiere. Non possiamo dismettere il nostro “mestiere” di uomini e donne. Quelle “reti” lasciate sul lago sono il segno di un umanità vecchia, legata ai propri egoismi, la quale chiede di seguire l’uomo nuovo, ancora oggi visibile sui confini della terra.

  1. Davide Carbonaro OMD
Letto 181 volte Ultima modifica il Mercoledì, 29 Gennaio 2020 15:35
Altro in questa categoria: Prima di me »

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Contatti

icona smp ombra

Parrocchia di Santa Maria
in Portico in Campitelli

Piazza Campitelli, 9
00186 Roma Italia
Tel. e fax Parrocchia: 06.68 80 39 78
Tel. e fax Comunità: 06.68 74 28 5
santamariainportico@vicariatusurbis.org 

Video

Newsletter

Nuvola di TAG

Links

Visita i nostri links amici.

Storia dell'Imagine,

e Chiesa di Santa Maria in Portico di Campitelli.

San Giovanni Leonardi

Narrazione dell'immagine di Santa Maria in Portico

© 2020 Parrocchia di Santa Maria in Portico in Campitelli. All Rights Reserved. Powered by VICIS